Cerca

La Pretesa

Il Giornale on line del Liceo Scientifico "Ernesto Basile"

“Non siate indifferenti” (Nino Di Matteo)

nino-di-matteo-pm

di Francesca Lo Giudice

«Io vi chiedo soltanto una cosa, come la chiedo ai miei figli: non siate indifferenti. Che uomo è un uomo che è indifferente quando la mafia ha riguardato e riguarda tanti di noi; quando se usciamo per le strade delle città e ci facciamo una passeggiata verso il centro passiamo dal luogo dove sono stati uccisi tanti uomini coraggiosi che si ribellavano alla mentalità mafiosa?
Il peccato più grande che si possa fare da cittadino è quello dell’indifferenza: essere indifferenti vuol dire rinunciare ad essere cittadini.
Ragazzi, impadronitevi del vostro futuro. La scuola è una delle basi per essere liberi, per avere la possibilità di ragionare con le vostre teste. Perché noi a Palermo abbiamo qualcosa di particolare. Non dobbiamo vergognarci della realtà, Palermo è stata ed è la capitale della mafia e dobbiamo fare i conti ogni giorno con questi problemi, ma la realtà è anche un’altra: una realtà buona che ha visto persone come Falcone, Borsellino, Libero Grassi, Montana che da siciliani non hanno chiuso gli occhi e hanno combattuto per portare avanti un’idea e un sogno di una Sicilia libera. E non parlo solo delle vittime, ma anche e soprattutto della gente comune che, nel silenzio, giornalmente, senza riflettori porta avanti un’idea di onestà e di coraggio.
É proprio nelle vostre idee che risiede la possibilità di affermarvi, a partire dall’impegno scolastico a partire da quando fra uno, due, tre anni vi troverete davanti un bivio: da un lato è possibile che vi si prospetti una scorciatoia,qualche politicante da strapazzo, piccolo boss mafioso, «ci penso io al tuo posto di lavoro» oppure «al tuo accesso all’università » «tu stai con me e io ti porto avanti, non ti preoccupare »; dall’altro lato avrete un’altra scelta, un’altra strada che non è una scorciatoia, ma una strada dritta, più lunga e certe volte in salita, ma è una strada di libertà, con le vostre forze. Fate qualsiasi cosa con le vostre forze, non vendetevi, non scegliete la prima strada. Ne ho conosciuti tanti di giovani che si sono venduti scegliendo la prima strada e poi sono entrati in questa spirale che li ha travolti quasi inconsapevolmente.» (Nino Di Matteo ,30/11/2015)
Chi è Nino Di Matteo?
Prima di questa conferenza, tenutasi presso il Liceo Scientifico “Ernesto Basile” di Palermo , avrei risposto che Di Matteo è un magistrato italiano da anni impegnato nelle inchieste sulla trattativa tra Stato e mafia, sui rapporti tra istituzioni e criminalità organizzata e vittima di numerose minacce per mano mafiosa. Sebbene sia giusto, oggi non risponderei più in questo modo. Perché dimentichiamo che prima di essere un magistrato Nino Di Matteo è un Uomo. Sì, un Uomo costretto a vivere sotto scorta, costretto alla paura che è inevitabile, un Uomo costretto a vedersi negare lo stesso diritto alla libertà per cui combatte, ma pur sempre un Uomo. E per quanto oggi egli possa essere considerato una figura così lontana da noi gente comune, dovremmo capire che non è Nino Di Matteo ad essere una “mina vagante”, come oggi in molti lo definiscono, ma lo siamo tutti noi, nel senso negativo del termine, e lo saremo fino a quando accetteremo che la mafia si prenda gioco della vita di qualcuno, che sia un magistrato, un operaio o un giovane pieno di sogni e speranze.

Annunci

Eccoci…

gggggggggggggggggggggggggg

di Alessandro Chiolo

La Pretesa

Eccoci, ci siamo: dopo una trepidante attesa, oggi è il giorno della messa on line de “La pretesa”, il giornale  del Liceo Scientifico Ernesto Basile che ha la “pretesa” di diventare e far diventare grandi, ma che parte umilmente utilizzando uno spazio web gratuito e con qualche restrizione.
Il nome non è chiaramente casuale e devo confessarvi che il dibattito per sceglierlo è stato abbastanza acceso e ricco di partecipazione. Alla fine “La pretesa” ha convinto tutti ed effettivamente, dietro questo nome c’è un significato che trascende la parola stessa. Dietro il nome ci stanno un gruppo di ragazzi che costituiscono la redazione di questo giornale e che nutrono “la pretesa” di farsi sentire; attenzione, “la pretesa” non è arroganza, quanto piuttosto “la pretesa” di volere essere ascoltati su temi di contenuto. In una società, dove a nostro avviso, la voce dei giovani viene messa in sottofondo per dare spazio ai più navigati, “la pretesa”, vuole essere la voce di chi troppo poco, spesso, viene ascoltato, facendo sì che si precluda ex ante un’opportunità di confronto.
Se vivi con i giovani, dovrai anche tu diventare giovane” diceva Giovanni Paolo II, ed è questo quello che il giornale vuole trasmettere: dare spazio ai giovani all’interno di un confronto che vuole essere proficuo per tutti: “la pretesa” dei giovani di essere ascoltati come adulti e quella degli adulti di essere ascoltati dai giovani. Ecco perché “la pretesa” nasce come giornalino d’istituto, ma nutre la speranza di crescere come giornale a 360* e campo di confronto. All’interno di esso troverete argomenti di vario genere, ognuno dei quali curato dai nostri giovani. I ragazzi hanno piena di libertà di pensiero; gli articoli non verranno censurati da parte mia a meno che non tendano ad offendere (sicuramente in modo involontario) qualcuno. Per questi motivi la pretesa è campo di confronto sin dalla sua nascita e spero ci perdonerete per qualche imperfezione, ma ci auguriamo di migliorarci strada facendo.
L’idea iniziale di un giornale d’istituto è stata di Antonio Campanile, oggi vice caporedattore, che ha voluto riproporre un’esperienza che anni fa il Liceo Ernesto Basile ha vissuto con il suo ex giornalino “Basilisco”, curato dal prof. Messineo; all’inizio ci siamo chiesti se fosse stato il caso di riproporre quel nome, ma dato le ambizioni che nutriamo questa volta, abbiamo voluto ricominciare da zero, assumere le esperienze pregresse, farne tesoro ma ripartire da un nuovo inizio. Il giornale non sarà esclusivamente di coloro i quali, oggi, compongono la redazione, ma anche di tutti quei ragazzi ed adulti che in esso vorranno trovare un canale per farsi sentire, proporre riflessioni ed argomenti per confrontarsi; del resto, il mandare on line il giornale nasce dall’esigenza di socializzarlo ad un pubblico più numeroso e trasversale possibile . Una porta che si apre sul futuro dei nostri giovani, ecco la Pretesa: un luogo virtuale di incontri sostanziali, un luogo dove crescere insieme, dando forma e sostanza ad idee che ci rappresentano.
Luogo di idee, “la Pretesa”, luogo di idee e di passioni, luogo all’interno di cui si coltiva ciò che sta “sotto la nostra pelle” e senza cui la “nostra pelle non avrebbe senso”.
Il riferimento appena fatto è ripreso da un editoriale di Ingrassia, sul giornale L’Ora, scritto nel 1947, in seguito alle minacce ricevute dall’omonimo giornale, da parte del bandito Giuliano, il quale minacciava di far “rimettere la pelle” ai giornalisti impegnati in quel quotidiano. Ingrassia rispondeva con un editoriale divenuto famoso, in cui così scriveva: ” La pelle è un tessuto che ha un valore se sotto ci sono tanti organi fra i quali il cervello e il cuore e quindi un’idea e una passione. Se per paura dovessimo rinunciare all’idea, a che ci servirebbe la pelle?”
L’augurio che faccio ai miei ragazzi è proprio questo: il dar valore alla “propria pelle” coltivando idee e passioni, alimentando sogni e guardando con fiducia a veri ideali, avendo la forza ed il coraggio di difenderli.
Ecco “la Pretesa” di oggi, per un giorno migliore domani: ad maiora ragazzi.

Featured post

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: