Le foreste non sono solo sulla terra:

riforestiamo la baia di Mondello

Il 5 dicembre, presso l’Hotel Palace di Mondello, si è tenuta una conferenza offerta dalla Coop e organizzata da Maria Prestigiacomo, assessore al Mare e alle Coste del Comune di Palermo; Domenico Ortolano, presidente associazione Castello e Parco di Maredolce; Carlo Filippo Luzzu, amministratore di Biosurvey; Agostino D’Amato, presidente del Consiglio di zona soci Coop Alleanza 3.0.

Gli ultimi dati rivelano che la baia di Mondello ospita un enorme campo di “Posidonia oceanica” che sta morendo lentamente e, di conseguenza, può nuocere all’ambiente e soprattutto a noi stessi. La Posidonia è una pianta acquatica fornita di foglie e fiori e si trova solo nel Mar Mediterraneo.

Anche se occupa un’area intorno al 3% dell’intero bacino, rappresenta una chiave importante dell’ecosistema marino. A partire dal ’72 è costantemente sottoposta agli ancoraggi di centinaia di imbarcazioni, all’inquinamento e allo sradicamento da parte dei proprietari dei lidi di Mondello. La scomparsa della pianta provoca notevoli ripercussioni sia sulle nostre spiagge, sulla pulizia del mare, sulla fauna e, soprattutto, in noi. Tale pianta fornisce molti vantaggi: cattura le impurità che potrebbero essere nocive, stabilisce un equilibrio nell’ambiente marino durante i cambiamenti delle stagioni ed è utilizzata, inoltre, per scopi farmaceutici.

Al fine di ripristinare, tutelare e riciclare la pianta della baia, l’associazione Castello e Parco di Mare Dolce, con il supporto di Biosurvey, ha realizzato un progetto per ripiantare la Posidonia in un sito già validato per la ricerca. Buona parte delle attività sono eseguite con il coinvolgimento diretto dei giovani e del pubblico. Il progetto è interamente finanziato dai soci Coop Alleanza 3.0 attraverso la campagna nazionale in difesa dell’acqua “Io sì” che ha sostenuto complessivamente 60 iniziative nelle regioni in cui opera la cooperativa; essi invitano inoltre la clientela a comprare i loro prodotti così da estrarre una percentuale dal guadagno e investirlo nei loro progetti, ad esempio la riforestazione della baia.

Il loro piano è, dunque, piantare la Posidonia con una struttura biodegradabile, interamente fatta di mais, nella sua naturale posizione a stella, per poter raggiungere più efficacemente lo scopo. Purtroppo atti di vandalismo per la cattura dei pesci hanno danneggiato il progetto, ma si sta procedendo alla risoluzione del problema.

In conclusione, se si desidera il proprio benessere e quello dell’ambiente, è consigliato comprare i prodotti della Coop per finanziare i loro progetti.

Progetto di Roberta Russo della 3BSA